Legio Praetoria

Legio Praetoria
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Legio Forum
 Sportibus
 Assurdi Sportivi
 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Pagina Successiva
Autore  Discussione Discussione Successiva
Pagina: di 28

mificrozet
Dictator



Regione: Italy
Prov.: Roma
Città: Caput Mundi


22875 Messaggi

Inserito il - 12 agosto 2008 : 14:53:43  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di mificrozet Invia a mificrozet un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Alle Olimpiadi di Pechino, ieri, la staffetta 4x100 maschile nuoto italiana, nella Finale di Categoria, batte il Record del Mondo !



Ma si Classifica solamente Quarta.



Certo che si deve rosicare parecchio a battere il Record del Mondo proprio nel giorno in cui altre tre squadre decidono di fare di meglio, è una situazione paradossale, non puoi neanche dire che potevi fare di più, per la miseria hai fatto il Record del Mondo !


------------------------------
«Non è perchè le cose sono difficili che noi non osiamo; è perchè non osiamo che esse sono difficili» (Seneca)

www.marcellosalvi.it

aqualong
Prefectvs Praetorio



Regione: Albania


829 Messaggi

Inserito il - 12 agosto 2008 : 19:06:44  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di aqualong  Rispondi Quotando
Bello questo 3d!
Ne approfitto,quindi constatato il decadimento del calcio,ovvero falli,fallacci ,moviole della sera e del giorno dopo,nonchè arbitri cornuti e comprati.
Poi giro di denaro stratosferico,reti tv con tanti che si parlano addosso dopo la partita,teppismo e violenza fuori e dentro lo stadio.
Per addolcire almeno un po' il gioco,propongo di introdurre qualche regola nuova,intanto ne dico una:
1) quando un giocatore resta a terra,l'arbitro lo conta fino a dieci e se non si alza lo dichiara "out" e lo butta fuori.

Suerte!
Torna all'inizio della Pagina

mificrozet
Dictator



Regione: Italy
Prov.: Roma
Città: Caput Mundi


22875 Messaggi

Inserito il - 14 agosto 2008 : 23:54:12  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di mificrozet Invia a mificrozet un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
E' successo di nuovo !

La nazionale femminile di nuoto nei 200 metri staffetta migliora di mezzo secondo il record del mondo ma arriva solamente quarta.


------------------------------
«Non è perchè le cose sono difficili che noi non osiamo; è perchè non osiamo che esse sono difficili» (Seneca)

www.marcellosalvi.it

Torna all'inizio della Pagina

siddavic
Clericvs



Regione: Italy
Prov.: Roma
Città: Roma


736 Messaggi

Inserito il - 18 agosto 2008 : 11:29:06  Mostra Profilo  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di siddavic  Rispondi Quotando
aqualong ha scritto:

Bello questo 3d!
Ne approfitto,quindi constatato il decadimento del calcio,ovvero falli,fallacci ,moviole della sera e del giorno dopo,nonchè arbitri cornuti e comprati.
Poi giro di denaro stratosferico,reti tv con tanti che si parlano addosso dopo la partita,teppismo e violenza fuori e dentro lo stadio.
Per addolcire almeno un po' il gioco,propongo di introdurre qualche regola nuova,intanto ne dico una:
1) quando un giocatore resta a terra,l'arbitro lo conta fino a dieci e se non si alza lo dichiara "out" e lo butta fuori.

Bellissima!!!
2) per evitare polemiche sul gol/non gol, si potrebbe mettere un raggio laser sui pali e le traverse, tutto ciò che passa il laser si disintegra. Se più della metà del pallone è disintregrata è gol valido.Altrimenti no.

Two beer or not two beer.
This is the question(s)!
Torna all'inizio della Pagina

mificrozet
Dictator



Regione: Italy
Prov.: Roma
Città: Caput Mundi


22875 Messaggi

Inserito il - 21 ottobre 2009 : 17:17:12  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di mificrozet Invia a mificrozet un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Liverpool FC 1 - 2 Olympique Lyonnais

Come mi diverto !

Il Liverpool ... 800 milioni di euro di debiti ... ma hanno comprato Aquilani, un giocatore che a Roma non è mai stato decisivo e che si rompe a giorni alterni e dall'altra parte il Lione che ha venduto mezza squadra pur avendo i bilanci in regola.

Che goduria !

------------------------------
«Non è perchè le cose sono difficili che noi non osiamo; è perchè non osiamo che esse sono difficili» (Seneca)

www.marcellosalvi.it

Torna all'inizio della Pagina

mificrozet
Dictator



Regione: Italy
Prov.: Roma
Città: Caput Mundi


22875 Messaggi

Inserito il - 19 gennaio 2010 : 15:54:15  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di mificrozet Invia a mificrozet un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Percorso:ANSA.it > Calcio > News

Manchester Utd in rosso chiede aiuto a giocatori

Sun: il proprietario chiede aiuto a giocatori

19 gennaio, 15:04

Manchester Utd in rosso chiede aiuto a giocatori

LONDRA - La reazione dei giocatori del Manchester United è stata di sorpresa e incredulità: mai avrebbero potuto immaginare che il loro presidente, pur zavorrato da oltre 550 milioni di euro, si sarebbe rivolto a loro per ottenere un prestito. Invece pare proprio che questa insolita richiesta ci sia stata, secondo quanto scrive il tabloid Sun, sotto forma di pacchetti di obbligazioni da 50 mila sterline con una rendita annua del 7%.

Un'offerta che Malcolm Glazer, proprietario dello United, ha esteso non solo alle stelle di Sir Alex Ferguson ma anche anche a tutti i dipendenti con l'intenzione di rientrare dal debito di 500 milioni di sterline che grava sul bilancio della società. La situazione finanziaria del Manchester United appare sempre più preoccupante, a tal punto che c'é chi si è spinto ad ipotizzare la vendita del centro sportivo di Carrington (o addirittura l'Old Trafford) per far fronte all'enorme esposizione debitoria.

"I giocatori non sanno cosa fare - ha dichiarato una fonte anonima interna al club -. Molti sono confusi perché non riescono a capire come sia possibile che i loro datori di lavoro si rivolgano proprio a loro per avere liquidità. Alcuni giocatori sanno riconoscere i buoni investimenti, ma la maggior parte non pare intenzionata ad investire su chi paga loro lo stipendio".

------------------------------
«Non è perchè le cose sono difficili che noi non osiamo; è perchè non osiamo che esse sono difficili» (Seneca)

www.marcellosalvi.it

Torna all'inizio della Pagina

mificrozet
Dictator



Regione: Italy
Prov.: Roma
Città: Caput Mundi


22875 Messaggi

Inserito il - 01 febbraio 2010 : 16:01:09  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di mificrozet Invia a mificrozet un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Sono l'unico a cui sembra assurdo che la stampa inglese chieda che Terry venga escluso dalla Nazionale perché ha tradito la moglie ?


------------------------------
«Non è perchè le cose sono difficili che noi non osiamo; è perchè non osiamo che esse sono difficili» (Seneca)

www.marcellosalvi.it

Torna all'inizio della Pagina

mificrozet
Dictator



Regione: Italy
Prov.: Roma
Città: Caput Mundi


22875 Messaggi

Inserito il - 18 febbraio 2010 : 13:17:00  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di mificrozet Invia a mificrozet un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Calciatori Shakhtar cacciati dai negozi del patron del Fulham

Giovedì 18 Febbraio 2010 11:54

Questa sera i giocatori dello Shakhtar Donetsk avranno un motivo in più per battere i rivali del Fulham nella gara valida per i sedicesimi di Europa League. Gli ucraini vogliono infatti vendicarsi di quanto successo ieri ai magazzini Harrods di Londra, (il cui proprietario Mohamed Al-Fayed è anche il presidente della squadra di calcio del Fulham), quando, senza tante cortesie, sono stati messi alla porta. Ieri pomeriggio i giocatori dello Shakhtar decidono di andare a fare shopping e scelgono come meta il noto negozio di Knightsbridge. Quando provano ad entrare gli addetti alla sicurezza però li bloccano: i calciatori indossano la tuta sociale e spiegano di essere una squadra da calcio. Niente da fare. Gli irremovibili guardiani non ci credono, ritengono il gruppo 'trasandato e sospetto' e li invitano ad andarsene. L'episodio non è andato giù allo Shakhtar che ha pubblicato un comunicato ufficiale: "I giocatori avevano deciso di aumentare i profitti di uno dei negozi più famosi di Londra: Harrods -si legge nella nota- I calciatori avevano i soldi ed erano intenzionati a spendere parecchio, ma non gli è stato permesso l'accesso al negozio. Tutti indossavano le tute ufficiali e hanno spiegato di essere una squadra di calcio, e di non avere l'abitudine di mettere lo smoking per andare a fare shopping. La spiegazione non è bastata. I nostri giocatori hanno, quindi, deciso di continuare il loro shopping in un altro negozio il cui proprietario è stato molto felice". Da Harrods provano a difendersi spiegando che non c'era nessun'intento "offensivo, ma che la decisione è stata presa per la sicurezza della salute comune". Hodgson, tecnico del Fulham, ci ha scherzato su: "Sono sorpreso da questo episodio. Solitamente il nostro presidente ama le persone che spendono i soldi nei suoi negozi!". Quello che è certo è che stasera lo Shakhtar farà di tutto per ripagare con la stessa moneta il Fulham: vuole metterlo alla porta! (calciomercato.it)

------------------------------
«Non è perchè le cose sono difficili che noi non osiamo; è perchè non osiamo che esse sono difficili» (Seneca)

www.marcellosalvi.it

Torna all'inizio della Pagina

mificrozet
Dictator



Regione: Italy
Prov.: Roma
Città: Caput Mundi


22875 Messaggi

Inserito il - 25 febbraio 2010 : 13:17:17  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di mificrozet Invia a mificrozet un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
L'ESPRESSO: Grandi d'Europa sull'orlo del baratro, ma Roma virtuosa

25.02.2010 12:03 di Giulia Spiniello

Fonte: L'Espresso

"Il pallone e' al fischio finale". In un articolo in edicola domani, "L'Espresso" affronta la crisi dei club europei e pronosticando il prossimo crac del sistema calcio.

"Da anni - scrive l'Espresso - i ricavi non coprono i costi e le spese sostenute per il parco-giocatori hanno una peso determinante sul segno finale dei conti societari. I club passano di mano da un patron all'altro, ma i soldi in circolazione non sono piu' quelli degli anni d'oro. Il sistema del pallone non ha trovato - e non sembra nemmeno cercare - una nuova sostenibilita', che deve passare necessariamente per il fair play finanziario: vale a dire regole uguali per tutti gli operatori, il mercato dei calciatori ridimensionato su valori piu' in linea con l'attuale situazione economica, e soprattutto parametri finanziari piu' rigidi, pena l'esclusione da campionati e trofei internazionali.
Un messaggio che, piu' volte, il presidente della Uefa, Michel Platini, ha inviato ai numeri uno dei grandi club, senza mai ricevere un cenno di adesione". "Il Manchester United di Malcolm Glazer - scrive L'Espresso -, il club piu' ricco al mondo per valore economico complessivo, ha tirato un sospiro di sollievo solo dopo essere riuscito a ristrutturare il proprio debito con un'operazione finanziaria di tutto rispetto, mai tentata prima da un club di calcio. Grazie infatti all'emissione di un bond da 500 milioni di sterline della durata di sette anni i campioni d'Inghilterra pagheranno, nelle prossime stagioni, meno interessi sul totale dei debiti. Un maquillage finanziario che potrebbe non essere sufficiente, costringendo alla fine l'attuale proprieta' a passare la mano al migliore offerente. Nell'ultima stagione i Red Devils hanno messo a segno un risultato positivo di bilancio solo grazie alla cessione dell'asso Cristiano Ronaldo, venduto per 90 milioni di euro al Real Madrid, altrimenti altri 38 milioni di euro di perdite si sarebbero aggiunti allo stock gia' pesantissimo di 800 milioni di debiti".

L'Espresso spiega che "altri club inglesi hanno pensato di utilizzare un sistema piu' semplice, ovvero convertire il proprio indebitamento in azioni". Tra questi il "Chelsea che ha trasformato l'esposizione finanziaria che aveva nei confronti del suo stesso proprietario, il magnate russo Roman Abramovich (pari ad oltre 900 milioni di euro di debiti), in nuove azioni. In pratica Abramovich ha azzerato quasi un miliardo di debiti rimettendoceli dal suo patrimonio personale. Il Chelsea e' una societa' che perde, ogni anno, decine di milioni di euro e, senza un freno alle spese, nell'arco di poche stagioni si ritrovera' di nuovo con un'esposizione finanziaria elevatissima. Una situazione insostenibile anche per un tycoon del calibro di Abramovich".

Dall'Inghilterra all'Italia dove "le due corazzate Inter e Milan - scrive l'Espresso - producono perdite per centinaia di milioni al termine di ogni stagione, conti negativi che devono poi essere ripianati da aumenti di capitale sottoscritti dai presidenti-proprietari. E se Moratti finora ha aperto il portafogli generosamente, si sa che invece Berluskaiser e' sempre piu' frenato dai figli, poco entusiasti di gettare soldi nel pallone. In serie A tra i top club solo la Roma e la Juventus (entrambe quotate in Borsa), tentano di seguire una strada di contenimento dei costi, non potendosi permettere di investire ulteriori soldi e non essendoci, al momento, alcuna cordata pronta a rilevarle". L'Espresso ricorda che nell'ultimo anno in Germania e' esploso il caso Schalke04 che, nonostante la sponsorizzazione di Gazprom (25 milioni di euro per i prossimi 4 anni), e' arrivato a 280 milioni di debiti, il 45 per cento di tutto il rosso della Bundesliga (pari a inizio stagione a 610 milioni di euro). Cifre elevate, ma inferiori, per esempio, ai 3,5 miliardi della Premiership britannica o ai 2 miliardi circa della serie A tricolore.


Se la Premier League inglese naviga, tra mille difficolta', con piccoli club che passano la mano o vengono venduti per una sterlina (e' il caso del Portsmouth, che rischia di essere dichiarato fallito il prossimo primo marzo), nel calcio spagnolo, ricorda l'Espresso, la situazione non e' certo migliore. Ai grandi club come Real Madrid e Barcellona, i cui debiti per ora sono garantiti dalle banche, si affiancano altre piccole e medie strutture che hanno raggiunto livelli di criticita' senza precedenti. Come per esempio il Valencia o l'Atletico di Madrid, rispettivamente con un indebitamento pari a 3,5 volte e a 3,8 volte il fatturato. In piu' i valenciani rischiano di rimanere schiacciati dagli impegni assunti per la costruzione del nuovo stadio, il Mestalla, che non costera' meno di 240 milioni di euro.
Un investimento previsto molti anni fa, quando la recessione era lontana. "Sempre a proposito di debiti - conclude L'Espresso -, molte societa' sono esposte verso il sistema bancario non per gli investimenti effettuati, che in prospettiva potranno portare maggiori ricavi (come l'ampliamento di stadi o la costruzione di nuovi centri polifunzionali), ma per una scorretta gestione della spesa corrente. Un comportamento, quest'ultimo, che in prospettiva non lascia spazio ad altra soluzione che il fallimento o, finche' regge il giochino, al passaggio di mano di una squadra da un patron all'altro. Praticamente l'unica figura che oggi garantisce, quale che sia il mercato di appartenenza, la sopravvivenza all'interno di un sistema sempre piu' colpito dalla perdurante crisi economica".

------------------------------
«Non è perchè le cose sono difficili che noi non osiamo; è perchè non osiamo che esse sono difficili» (Seneca)

www.marcellosalvi.it

Torna all'inizio della Pagina

mificrozet
Dictator



Regione: Italy
Prov.: Roma
Città: Caput Mundi


22875 Messaggi

Inserito il - 01 aprile 2010 : 21:05:52  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di mificrozet Invia a mificrozet un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Juventus: Del Piero, spero ci restituiscano scudetti


A me sta bene, a patto che vengano fusi in bronzo da 5 chili e che gli si possano restituire tirandoglieli in faccia.


------------------------------
«Non è perchè le cose sono difficili che noi non osiamo; è perchè non osiamo che esse sono difficili» (Seneca)

www.marcellosalvi.it

Torna all'inizio della Pagina

mificrozet
Dictator



Regione: Italy
Prov.: Roma
Città: Caput Mundi


22875 Messaggi

Inserito il - 13 maggio 2010 : 16:02:50  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di mificrozet Invia a mificrozet un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Bisognerebbe spiegare alla caramella che nello sport la vittoria va cercata sempre ma che non necessariamente chi vince molto è il migliore, una delle più grandi squadre del Mondo, l'Ungheria di 50 anni fa fece due finali mondiali ma non ha mai vinto nulla, una delle più belle squadre del mondo, l'Olanda degli anni '70 fece due finali mondiali ma le perse entrambe, nello sport spesso conta molto di più il "come" che il "quanto", la logica del vincere a tutti i costi e del ritenersi tout court migliore di chi ha vinto di meno non è neppure arrogante, è solamente stupida.

Ieri sera è stato uno spettacolo devere il Fulham, una delle squadre più antiche del mondo che nella sua storia non ha mai vinto neppure un campionato rionale giocarsi la Finale di Europa League, è stato un trionfo dello sport perché per entrambe le squadre (Atletico Madrid e Fulham) si trattava non una delle tante occasioni ma di un'occasione probabilmente irripetibile.

Lo sport, quello vero, è cosa ben diversa dalla conta dei trofei.

Mourinho: “Vengo paragonato ad allenatori che non hanno vinto neanche una coppa di Toscana”

di Daniele Senatore Notizie mag 13, 2010

«Quello che scrivono, e cioè che ho un piede mezzo in Spagna e mezzo qui a Milano, è falso. Allenerò il Real Madrid. Ho allenato una grande in Inghilterra. Alleno una grande in Italia, allenerò una grande in Spagna»: così l’allenatore dell’Inter Josè Mourinho in una intervista pubblicata sul numero di Panorama da domani in edicola. «Ho vinto tutto in tre paesi – prosegue Mourinho – non mi manca niente. Però mi fa ridere quando sento alcuni presidenti che mi paragonano ai loro allenatori che non hanno vinto neanche una coppa di Toscana o Reggio Calabria». L’allenatore dell’Inter dice che c’è una cosa che non gli piace dell’Italia: l’ipocrisia del calcio. «Gente che viene da me, mi dà una pacca sulla spalla, mi fa un sorriso e mi dice: ‘Sei il migliore, sei un grande, avanti cosi». Poi appena possono mi attaccano. Mi chiedono addirittura un autografo, una foto con loro e poi cambiano di colpo. A me non piace tutto questo. Lo fanno anche alcuni allenatori«

------------------------------
«Non è perchè le cose sono difficili che noi non osiamo; è perchè non osiamo che esse sono difficili» (Seneca)

www.marcellosalvi.it

Torna all'inizio della Pagina

madd
Prefectvs Praetorio


Regione: Lazio
Prov.: Roma
Città: Roma


520 Messaggi

Inserito il - 14 maggio 2010 : 07:03:40  Mostra Profilo Invia a madd un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
mificrozet ha scritto:

Mourinho: “Vengo paragonato ad allenatori che non hanno vinto neanche una coppa di Toscana”

di Daniele Senatore Notizie mag 13, 2010

«Quello che scrivono, e cioè che ho un piede mezzo in Spagna e mezzo qui a Milano, è falso. Allenerò il Real Madrid. Ho allenato una grande in Inghilterra. Alleno una grande in Italia, allenerò una grande in Spagna»: così l’allenatore dell’Inter Josè Mourinho in una intervista pubblicata sul numero di Panorama da domani in edicola. «Ho vinto tutto in tre paesi – prosegue Mourinho – non mi manca niente. Però mi fa ridere quando sento alcuni presidenti che mi paragonano ai loro allenatori che non hanno vinto neanche una coppa di Toscana o Reggio Calabria». L’allenatore dell’Inter dice che c’è una cosa che non gli piace dell’Italia: l’ipocrisia del calcio. «Gente che viene da me, mi dà una pacca sulla spalla, mi fa un sorriso e mi dice: ‘Sei il migliore, sei un grande, avanti cosi». Poi appena possono mi attaccano. Mi chiedono addirittura un autografo, una foto con loro e poi cambiano di colpo. A me non piace tutto questo. Lo fanno anche alcuni allenatori«



E' UN MERCENARIO: MA NEL SENSO PIU' BIECO DEL TERMINE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Torna all'inizio della Pagina

mificrozet
Dictator



Regione: Italy
Prov.: Roma
Città: Caput Mundi


22875 Messaggi

Inserito il - 04 giugno 2010 : 14:50:43  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di mificrozet Invia a mificrozet un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Sono veramente dispiaciuto per gli amici Toscani, ma a tifare Fiorentina con Mihajlovic sulla panchina non ce la faccio neppure quando gioca contro la Juventus, quando è troppo è troppo.


------------------------------
«Non è perchè le cose sono difficili che noi non osiamo; è perchè non osiamo che esse sono difficili» (Seneca)

www.marcellosalvi.it

Torna all'inizio della Pagina

Cinzia
Prefectvs Praetorio


Città: di la' d'Arno


775 Messaggi

Inserito il - 04 giugno 2010 : 23:03:41  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Cinzia Invia a Cinzia un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
mificrozet ha scritto:

Sono veramente dispiaciuto per gli amici Toscani, ma a tifare Fiorentina con Mihajlovic sulla panchina non ce la faccio neppure quando gioca contro la Juventus, quando è troppo è troppo.




Come fare a darti torto....Ahhhhhhhhh(sospiro di rassegnazione, come quello esalato da chi non vince uno scudetto da più di 40 anni e non ditemi che c'è chi non l'ha mai vinto perchè questo non mi consola affatto )

aquacort
Torna all'inizio della Pagina

mificrozet
Dictator



Regione: Italy
Prov.: Roma
Città: Caput Mundi


22875 Messaggi

Inserito il - 24 giugno 2010 : 12:23:43  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di mificrozet Invia a mificrozet un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Giocatori schierati dalla Germania ieri sera:

Aogo
Boateng
Tasci
Khedira
Ozil
Cacau
Gomez



Una volta la formazione tedesca, solamente a leggerla, sembrava una dichiarazione di guerra.

Schellinger
Müller
Klinsmann
Matthäus
Briegel
Beckenbauer
Rumenigge



Ti veniva voglia di nasconderti quando lo speaker la snocciolava, adesso ti viene sonno.


------------------------------
«Non è perchè le cose sono difficili che noi non osiamo; è perchè non osiamo che esse sono difficili» (Seneca)

www.marcellosalvi.it

Torna all'inizio della Pagina

mificrozet
Dictator



Regione: Italy
Prov.: Roma
Città: Caput Mundi


22875 Messaggi

Inserito il - 03 luglio 2010 : 12:11:27  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di mificrozet Invia a mificrozet un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ma veramente sono l'unico a non considerare una sorpresa l'eliminazione del Brasile da parte dell'Olanda ?


------------------------------
«Non è perchè le cose sono difficili che noi non osiamo; è perchè non osiamo che esse sono difficili» (Seneca)

www.marcellosalvi.it

Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 28  Discussione Discussione Successiva  
Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Legio Praetoria © Legio Praetoria Go To Top Of Page
Questa pagina è stata generata in 2,24 secondi. Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.06